Via Guglielmo Marconi scambiata per un tracciato di Formula Uno. A qualunque ora del giorno, auto e ciclomotori sfrecciano lungo l’arteria che – con il ripristino del doppio senso di circolazione avvenuto poche settimane fa – collega via Barrile da un lato con Piazza Progresso e dall’altro con via Marianello. La velocità di attraversamento eccessivamente sostenuta è stata stigmatizzata da residenti e commercianti della zona, allarmati dal continuo via vai di mezzi. “Più di una volta abbiamo avuto modo di mettere in evidenza questo problema – il commento di un residente – l’attraversamento in via Marconi è spesso a velocità troppo alta e questo finisce con il rappresentare un pericolo evidente”. Oltre che da vetture e mezzi a due ruote, via Guglielmo Marconi è infatti quotidianamente percorsa anche da centinaia di pedoni. L’arteria ha infatti numerosi “affluenti”: basti pensare che due rampe di scale conducono alla densamente popolata via Santa Maria o un’altra entrata (e uscita) è quella rappresentata da via Leffa che porta a Piano Quartiere. Ragion per cui, tantissimi pedoni ogni giorno attraversano via Marconi per i loro spostamenti. Senza contare che nella via hanno sede diversi condomini abitati da numerosi nuclei familiari. Anche ieri mattina – mentre la città era interessata dalla maratona StraLicata – abbiamo assistito al passaggio di parecchi mezzi a due e quattro ruote ad un livello di velocità assolutamente fuori norma per una strada urbana. “Se dovesse servire – ci fa sapere un commerciante della zona – chiediamo che venga posizionato un dosso artificiale o un rilevatore di velocità. E’ inconcepibile che la nostra strada venga attraversata a questa folle velocità. Ci rivolgeremo al comando della Polizia Municipale e interesseremo anche loro di questa problematica”.