piccola biblioteca cucina letteraria locandina (2)“Ciò che avete divorato fuori dal forno e che ha reso deliziosi gli innumerevoli bicchieri bevuti nella speranza di estinguere la sete che via ha indotto, a rigore focaccia non era. Avete divorato un fantasma”.

E’ questo uno dei passi più significativi del libro “Un tocco di focaccia” di Matteo Codignola  protagonista, oggi alle ore 17,00 nei locali della Biblioteca comunale “Giovanni Falcone” di Palma di Montechiaro, del quarto appuntamento della rassegna mensile “Piccola biblioteca di cucina letteraria”, iniziata lo scorso mese di novembre  con lo scopo di presentare, in ogni appuntamento, un diverso volumetto della collana editoriale pubblicata da Slow Food che da il titolo alla rassegna. Ogni volume è composto da un racconto in cui il cibo è protagonista o, quantomeno, costituisce un elemento che fa sfondo allo stesso, e da un breve saggio su l’alimento richiamato nel racconto, spesso accompagnato anche da una ricetta. Scopo della manifestazione è quello di mettere in rilievo lo stretto legame tra il cibo e la letteratura di ogni epoca e latitudine e di far conoscere i racconti della collana la cui lettura, in questo appuntamento curata da Carmelo Taormina, costituisce lo spunto per fare una chiacchierata su un tema legato al cibo protagonista del volume che venerdì verterà su “dal grano al pane” che sarà condotta da Massimo Brucato e Ignazio Vassallo.

La rassegna è organizzata dal Comune di Palma di Montechiaro, attraverso la Biblioteca comunale Falcone e la sua direttrice Provvidenza Maria Mogavero, in collaborazione con Slow Food di Agrigento e l’Assessorato regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea e al SOAT di Campobello di Licata e di Grotte. L’appuntamento di marzo, penultimo della serie, avrà come protagonista il volume “Il glicomane: l’uomo che diventò un dolce” di Moni Ovadia cui seguirà il dibattito sui dolci della tradizione.