Giuseppe RipellinoPer il dottor Agostino Boldrini dell’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni italiani, “l’atteggiamento e le azioni del Commissario Straordinario appaiono singolari e discutibili”. Il parere è stato espresso in seguito al quesito posto da “enti interessati alla problematica” riguardo alla sospensione del Nucleo di Valutazione del comune di Licata. Disposta, non appena insediatosi, dal nuovo sindaco Angelo Balsamo. Una sospensione determinata dal ricorso presentato dal dottor Giuseppe Terranova al Governatore della Sicilia il 6 giugno scorso, due giorni prima cioè del voto amministrativo per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale. La vicenda, che sembra presentare elementi di discussione politica, è diventata oggetto di in comunicato stampa diffuso da Giuseppe Ripellino, che ieri sera ha presieduto la prima riunione del consiglio comunale (per l’elezione del Presidente e del suo vice) in quanto, ancora una volta, confermatosi come il consigliere più votato dai licatesi. Il geometra Ripellino fa leva sul parere espresso dall’Anci per chiedere al sindaco di Licata di riconsiderare la decisione, forse presa con troppa fretta, sul Nucleo di Valutazione scelto e nominato dalla precedente Amministrazione. “Alla luce – scrive Ripellino – di tutto quanto riportato da parte dell’Anci, affinché non si verifichi un danno erariale nei confronti del Comune, richiesto dai componenti del sospeso nucleo”. Secondo il parere dell’Associazione dei comuni, il ricorso del dottor Terranova, che per quasi quattro anni ha sostituito il consiglio comunale di Licata, doveva essere preceduto dal parere del Consiglio di giustizia amministrativa. Un parere – fa notare il consigliere Ripellino – riconosciuto recentemente come vincolante dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione. Vista l’oggettiva utilità del Nucleo per il Comune anche nell’eventualità di un “danno erariale”. L’organismo in questione ha il compito di valutare il personale (soprattutto dirigenziale) dell’Ente e di indicare al sindaco, tramite un’annuale relazione, le criticità riscontrate. Per eliminarle e rendere i dipartimenti sempre più efficienti.