Messina-Licata è sfida che rimanda a tempi gloriosi per il calcio siciliano. Allo stadio “San Filippo” si affrontano due società blasonate e dal passato illustre. Il Licata arriva a questo appuntamento dopo una striscia di sei risultati utili consecutivi che ne hanno rilanciato la classifica e andrà in Riva allo Stretto a giocarsi le sue carte. La squadra si è preparata per bene durante tutta la settimana e partirà convinta di fare una buona gara. Le buone prestazioni e i risultati importanti delle ultime settimane hanno galvanizzato un ambiente che, al momento dell’arrivo di mister Romano in panchina, si trovava all’ultimo posto della graduatoria con soli tre punti. Oggi il Licata è una squadra sostenuta dall’entusiasmo che sta collezionando oltre che buoni risultati anche buone prestazioni certificate anche dal fatto che nelle ultime quattro giornate sono state battute due squadre di vertice come Gelbison e Savoia.  Dall’altra parte però ci sarà un avversario attrezzato per vincere il campionato con individualità di categoria superiore e con una tifoseria calda in uno stadio che ha ospitato solo poco tempo fa la massima serie. Restano da sciogliere alcuni dubbi di formazione per mister Pippo Romano che non sa ancora se potrà contare su Riccobono, che ha problemi ad una spalla ricordo della caduta nell’azione del rigore di domenica scorsa contro il Savoia, e su Saluto anche lui alle prese con problemi di natura fisica che ne mettono in dubbio la convocazione.