imageSconfitta esterna per la Sant’Angelo Licata che nella ventesima giornata del campionato di Promozione ha fatto visita alla terza forza del torneo Città di Augusta che si è imposta con il punteggio finale di 3 – 1. Mister Angelo Vedda ha dovuto rinunciare ancora una volta allo squalificato Ignazio Puccio. Il Città di Augusta, costretto a peregrinare sul neutro di Carlentini, ha confermato di essere una squadra di vertice e potrà dire la sua in questo rush finale di campionato considerato anche che la classifica si è notevolmente accorciata per effetto dei risultati dell’ultimo turno che hanno fatto registrare la sconfitta della capolista Scordia sul campo del Santa Croce. Gli uomini di mister Riccobello non hanno ancora abbandonato i propositi di centrare il salto di categoria senza passare dai play-off e el resto la vetta della classifica adesso è distante solo due punti.  La gara con la Sant’Angelo è stata orientata sul finire della prima frazione di gioco quando i padroni di casa prima con Di Mauro al 36° e poi con Messina al 41° trovano l’uno-due che demoralizza la Sant’Angelo che va negli spogliatoi sotto di due reti. Nella ripresa i gialloblu provano a tornare in partita e per farlo lasciano spazi al Città di Augusta che triplica le marcature con Scatà che al 65° chiude i conti. Va subito detto che il risultato finale sul piano del gioco non condanna per quanto visto sul terreno di gioco i ragazzi di mister Angelo Vedda che hanno disputato una partita gagliarda, riuscendo anche nella fase finale della contesa a trovare la via della rete grazie a una prodezza di Bonvissuto. E’ stata tutto sommato una bella gara, giocata a viso aperto da entrambi i contendenti. I gialloblù domenica tornano in casa contro il Real Ragusa.