Il Licata si sente scippato e la rabbia per la sconfitta maturata domenica ad Agropoli non è stata ancora smaltita. Il direttore sportivo Cammarata ci va giù duro sulla direzione di gara del signor Calogiuri di Lecce: “In tanti anni che seguo il calcio non era mai successo di incontrare un arbitro così impreparato ed incerto che ne ha combinate di tutti i colori. Sui quattro gol subiti tre erano irregolari anche per colpa dell’assistente donna che non era mai in linea con l’azione e quindi era impreparata a svolgere quel ruolo. Ci è stata rubata la partita quando ci trovavamo sul 2 a 2 e avevamo in pugno l’incontro. Il direttore di gara si è inventato un gol inesistente nonostante l’assistente fosse rimasto sul posto, non era andato a centrocampo e avesse segnalato che la palla non era entrata. Valenti ha preso la palla mezzo metro prima della linea bianca, anche perché era lenta e non c’era nessun dubbio sulla posizione. L’episodio ha provocato la reazione di Valenti e Montella che sono stati espulsi. Il primo gol da parte loro era in netto fuorigioco di diversi metri. L’unico gol regolare è stato il tiro dalla lunga distanza di Carotenuto. Il rigore che è stato assegnato agli avversari è un’altra invenzione dell’arbitro. Ci sono tanti modi di perdere una partita, ma subire una sconfitta immeritata per colpa del direttore di gara è inaccettabile. Il confronto tra Agropoli e Licata era tranquillo con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto con l’obiettivo di vincere, ma l’arbitro ci ha rovinati non solo facendoci perdere la partita ma privandoci per le prossime gare di due giocatori come Valenti e Montella. Siamo rammaricati perché la gara è stata decisa dagli errori della terna arbitrale”.