Homepage Giovani e scuola Giornata mondiale dell’Acqua, gli studenti della Marconi “collegati” col lago di Como

Giornata mondiale dell’Acqua, gli studenti della Marconi “collegati” col lago di Como

149

Venerdì 22 marzo sarà la Giornata mondiale dell’Acqua e protagonisti saranno gli studenti dell’Istituto Comprensivo “G. Marconi” di Licata, invitati a partecipare all’iniziativa dall’Assoproteus.
Attraverso la piattaforma social di FACEBOOK, gli alunni della scuola media potranno collegarsi in video e audio con il sub che si immergerà nelle acque del Lago di Como per raccontare di quelle acque di manzoniana memoria e interagire con gli studenti, rispondendo alle loro domande, in chat, su Messenger.
La nuova modalità di lezione interattiva è in linea con i dettami di CITTADINANZA CONSAPEVOLE indicata dall’Ue, per cui gli studenti devono apprendere e conoscere attraverso l’esperienza del fare.
Dal Lago di Como all’estrema punta della Sicilia, a Licata! I nostri studenti hanno il privilegio di vedere, dalle finestre delle aule, il maestoso e meraviglioso Mar Mediterraneo. E mentre l’Acqua di quel mare, intercontinentale per la sua posizione strategica rispetto all’Africa, all’Asia e all’Europa, accoglie e “raccoglie” la vita di esseri umani, disperati per le guerre civili esistenti nei loro Paesi di origine, il Lago di Como allagherà le scuole d’Italia.-
La suggestiva visione dei fondali del lago più profondo d’Italia, Il Lago di Como, avverrà collegandosi attraverso l’utilizzo delle LIM, alla pagina di Facebook, “RESILARIO” per intavolare una chiacchierata didattica relativa alle caratteristiche dell’ambiente lacustre, trattando in interazione con gli studenti tematiche di Chimica, Geografia, Fisica, Geologia ed Ecologia. Pertinenti saranno gli spunti di Letteratura Italiana per quel luogo che ispirò uno dei padri della nostra Storia della Letteratura italiana, Alessandro Manzoni, scrittore del romanzo “I Promessi Sposi” il cui incipit rimanda a “Quel ramo del Lago di Como che volge a mezzogiorno……”.
Paola Iotti, Presidente di Proteus/Lab, da sempre impegnata in attività di divulgazione scientifica, ha dichiarato che l’intento è quello di realizzare un laboratorio a livello nazionale, su tutto il territorio italiano alfine di far conoscere ed amare il territorio stesso.
“Le scuole aderenti all’iniziativa sono già pronte – afferma Filippo Camerlenghi, responsabile del progetto Resilario/Proteuslab- ne sono fiero poiché, se spesso e più di frequente riusciamo a guardare il cielo, le stelle e le montagne, non è cosi per i fondali dei laghi dovendo trovare persone, i sub, preparati all’immersione subacquea.”
Il sub sarà in diretta Facebook dalla statua del Cristo degli Abissi che si trova sui fondali del lago tanto descritto in superficie da Alessandro Manzoni.

Annamaria Milano