Homepage Benessere Fondata la prima Comunità Slow Food di Licata

Fondata la prima Comunità Slow Food di Licata

348

E’ stata fondata la Comunità Slow Food di Licata, una delle prime comunità che nascono in Sicilia e che saranno presentate ufficialmente ad Enna il prossimo 4 maggio, in occasione dell’Assemblea Regionale dei soci Slow Food Sicilia.
All’origine del progetto, voluto da dieci licatesi impegnati nel sociale, e che a vario titolo ormai da anni si occupano di food, territorio e rivalutazione dei prodotti della terra, c’è la voglia di “sostenere le cosiddette “Colture Resilienti”, tutte quelle colture nate in località disagiate ed a rischio di abbandono”.
“Le colture – aggiungono i fondatori della comunità – potranno essere orti, campi di grano, alberi e qualsiasi altro tipo di attività agricola che è tipica di un territorio e che è stata abbandonata o è a rischio di cementificazione. Le “Colture Resilienti”, si possono individuare in territori montani o in piccole isole nel mare, ed hanno in comune la possibilità di recuperare antiche colture da inserire nell’Arca del Gusto”.
Il progetto è ampio e prevede, d’accordo con Slow Food, tutta una serie di colture, ma l’idea in prima battuta è quella di rivalutare il “Pomodoro Buttiglieddu”, coltura antichissima che a Licata, purtroppo, è quasi sparita. Da qui la scelta di pensare a collaborazioni con chi, già da qualche mese, è impegnato nel tentativo di far riscoprire il “Buttiglieddu”.
Portavoce della Comunità Slow Food di Licata è stato nominato Giuseppe Patti, titolare della Premiata Pizzeria Sardasalata, imprenditore, responsabile provinciale della Cna Turismo.
Ecco, in ordine alfabetico, tutti i nomi dei soci fondatori della Comunità licatese: Alfredo Quignones, Angelo Augusto, Cettina Callea, Daniele Ciancio, Gianluca Graci, Giuseppe Patti, Marianna Bianchi, Marilia Peritore, Raffaella Ciancio, Rosario Callea.
A metà maggio, alla presenza del portavoce di Slow Food Sicilia Saro Gugliotta, la Comunità Licatese sarà presentata ufficialmente nel corso di un evento che parlerà proprio delle “Colture Resilienti”.