CONDIVIDI

La Cna agrigentina parla sempre più licatese, dopo che, nei mesi scorsi, Giuseppe Patti era diventato presidente provinciale dell’Unione dei ristoratori e degli albergatori della provincia e che Salvatore Costanzino era stato eletto presidente provinciale dell’Unione Industriali di Cna, adesso arriva un’ulteriore gratificazione per la CNA di Licata
Nella direzione Provinciale del 18 ottobre, Elio D’Orsi è stato eletto il nuovo presidente dell’Ecipag, l’ente di formazione della Cna, la Confederazione Nazionale Artigianato e imprese.
D’Orsi è stato eletto dal direttivo provinciale ed avrà l’importante compito di rilanciare l’Ente, di cui è stato fondatore, nel 1978 e presidente per dieci anni.
“Per me è come un ritorno a casa – commenta soddisfatto D’Orsi – ho accettato di raccogliere quella che per Cna è una vera e propria sfida, dalla formazione dei dipendenti delle nostre aziende associate, infatti, passa il futuro delle stesse, in un mercato che è sempre più specializzato e che chiede sempre maggiore competenza”.
“Stiamo raccogliendo i frutti di anni di lavoro nel territorio e presenza costante in ambito provinciale – dichiara soddisfatto Piero Caico recentemente riconfermato alla guida di Cna Licata – la nomina di Elio D’Orsi a capo dell’Ente di formazione della Cna è l’ulteriore conferma di quanto efficace sia, e sia stata, la presenza nel territorio. Recentemente la Cna ha richiesto un incontro con il Commissario Straordinario del comune di Licata Maria Grazia Brandara, “Abbiamo diverse istanze da far presente al Commissario – dice Caico – vorremmo anche informarla delle azioni che stavamo portando avanti con la vecchia amministrazione, soprattutto delle iniziative volte ad aiutare le imprese all’accesso al credito. Iniziativa quasi concretizzata con l’ex Assessore alle Attività Produttive Dott. Cellura, ma rimasta in sospeso la relativa regolamentazione. Inoltre vorremmo parlare di turismo a Licata, visto che proprio la Cna Agrigento è stata scelta dalla sede nazionale per avviare un progetto pilota sul turismo esperienziale e dei circuiti alternativi di turismo. Pensiamo – afferma Caico – che Licata anche in questo caso può assumere un ruolo da protagonista. Il commissario – conclude Caico – ha già confermato la disponibilità ad un incontro. Rimaniamo fiduciosi e attendiamo di essere convocati, al più presto, per offrire il nostro contributo in questo difficile momento per tutta la città”.

CONDIVIDI