CONDIVIDI

Due buche nella pavimentazione stradale potrebbero costare al Comune diecimila euro. Ammontano a tanto le richieste di risarcimento per i danni che – secondo i ricorrenti – sarebbero stati causati dalle cadute a causa dei fossi, presentate in due distinti procedimenti da due licatesi (un uomo e una donna) che hanno citato in giudizio Palazzo di Città dinanzi al Giudice di Pace. I fatti risalgono rispettivamente al 10 agosto 2015 e al 10 ottobre 2017. Gli atti di citazione sono stati notificati al Comune il 10 e il 13 ottobre scorsi. Nel primo caso, la caduta sarebbe stata provocata da una buca presente nella parte finale di corso Serrovira. Nel secondo caso, il fatto si è verificato invece su un marciapiede di corso Italia. In entrambe le circostanze, le richieste di risarcimento danni sono da cinquemila euro ciascuna. Palazzo di Città ha deciso di costituirsi in giudizio anche a seguito delle relazioni dei tecnici del dipartimento Lavori Pubblici e Urbanistica. In entrambi i casi, l’incarico di rappresentare l’Ente è stato affidato all’avvocatura comunale. A rendere nota la costituzione in giudizio del Comune due determine sindacali pubblicate dal dipartimento Affari Generali. Il discorso si sposta pertanto davanti al Giudice di Pace.

CONDIVIDI