Per un imprevisto dell’ultimo minuto, Licata non ha potuto partecipare al tavolo tecnico programmatico per il rilancio ed il potenziamento della tratta ferroviaria Gela-Caltanissetta, mediante la riprogrammazione oraria, il potenziamento del traffico ferroviario e l’apertura nei giorni festivi, indetto Comitato spontaneo dei pendolari dello ferrovie dello Stato, tenutosi nei giorni scorsi a Canicattì.
“Dopo essere stato delegato dal Sindaco Galanti a partecipare all’incontro – spiega l’assess. alle attività produttive, Giuseppe Ripellino – un imprevisto dell’ultimo momento mi ha impedito di partecipare all’incontro. Per sopperire a tale assenza ho preso contatti con il vicesindaco di Canicattì, che mi ha illustrato la tematica e per la quale è data piena adesione del Comune di Licata ad ogni utile iniziativa che mira al miglioramento del servizio della tratta ferroviaria in questione, sotto tutti i punti di vista, pronti a partecipare ad ogni successivo incontro e dare il nostro propositivo contributo. Mi spiace, con l’occasione, evidenziare l’intervento dei rappresentanti del PD di Licata che, non appena venuti a conoscenza della nostra assenza all’incontro di Canicattì, senza sincerarsi del reale motivo, hanno subito colto l’occasione per criticare l’operato dell’amministrazione comunale e dei suoi componenti. Sarebbe stato proficuo e auspicabile, anzichè dedicare tempo a sterili critiche, che lo stesso venisse impiegato per formulare proposte e progetti per risolvere i problemi atavici di Licata. Questo è fare una politica sana per il bene collettivo, indipendentemente dal ruolo che si occupa”.
A conferma della sensibilità e dell’impegno assunto dall’Amministrazione, va evidenziato che già il Sindaco Giuseppe Galanti, unitamente ai colleghi di Canicattì, Caltanissetta, Gela, Campobello di Licata Ravanusa, ha inoltrato una richiesta al Presidente della Regione Siciliana, affinchè il Governo isolano adotti misure urgenti, miranti, proprio, al potenziamento e alla valorizzazione della tratta ferroviaria “Modica – Gela – Caltanissetta”.