COMUNE FACCIATA (Custom)Tra i dubbi di interpretazione della legge elettorale sul meccanismo di assegnazione dei seggi, alcune cose appaiono chiare. Innanzitutto, il paradosso lessicale che si verificherà nella prima seduta, dato che il civico consesso sarà presieduto dal consigliere che ha avuto il maggior numero di preferenze, ovvero “il consigliere anziano” che in questo consiglio è rappresentato dalla diciottenne, ancora liceale, Margherita Barletta.

Un’altra certezza è rappresentata dal profondo rinnovamento dell’assise. Saranno soltanto 4 i consiglieri uscenti rieletti: Calogero Alotto (Prima di tutto Palma), Rosario Bruna (Autonomia Palmese), Rosario Incardona (Palma città aperta) e uno tra Rosario Mangiavillano (Palma città aperta) se vincerà Bellanti e Salvatore Montalto (PDL) se vincerà Amato.

Il rinnovamento sarà anche generazionale e di genere. Circa la metà dei consiglieri eletti sarà under 40. Oltre Barletta anche Maria Concetta Inguanta, Agata Vinci, Matteo Meli, consigliere per un giorno nella passata legislatura, Desyreè Vitello, Salvatore Catania, Orlando Dicembre, Giulio Castellino, Maria Cortese, Antonino Volpe e forse Mafalda Rumè.

Notevole anche la presenza femminile: oltre le già citate anche Carmela Ruffino, già consigliere comunale nella legislatura 2005-2010, Tita Vacca e Letizia Pace.

Completano il quadro Salvatore Messinese, ex assessore della giunta Falsone, e Calogero Malluzzo. Al posto di Mafalda Rumè potrebbe subentrare Santoro Castronovo.

Luigi Arcadipane