Un quinto posto che chiaramente fa ben sperare per il resto del campionato: un’ottima partenza, alternata poi a un momento difficile, con due stop consecutivi che hanno rallentato un pochino l’ascesa verso le zone più alte della classifica. Il Licata a quota 12 punti può puntare certamente alla vetta della classifica, che dista solamente un punto.

Per gli amanti delle scommesse sul mondo del calcio si può trattare di un’ottima opportunità su cui investire, dal momento che si potrebbe puntare sul Licata come vera e propria sorpresa di questo girone. Puntare sul mondo del calcio è molto più semplice che in passato, ma uno dei consigli migliori da seguire è quello di prestare attenzione alla presenza del marchio AAMS o ADM.

Infatti, tutti quei portali che hanno ottenuto questa licenza sono in grado di assicurare agli utenti un alto livello di sicurezza e di affidabilità sul web. Ottima anche la protezione dei dati personali che vengono inseriti in fase di registrazione: per fare una scelta consapevole e ottimale, è bene dare uno sguardo su casinosicurionline.net, alla ricerca delle piattaforme che sono dotate di tutte queste caratteristiche.

La situazione del girone I

Una complessivamente e omogenea situazione di equilibrio: una classifica decisamente compatta, visto che ci sono addirittura quattro squadre al primo posto a quota 13 punti. Si tratta della Cittanovese, dell’Acireale, del San Luca e del Messina. Per tutte queste quattro squadre il cammino ha portato in dote 4 vittorie, un pareggio e una sconfitta.

La Cittanovese è al primo posto momentaneamente, grazie a una differenza reti importante, grazie ai 12 gol segnati e ai soli 5 subiti. Subito dopo troviamo l’Acireale, con nove gol fatti e solamente quattro subiti. Poi c’è il San Luca, che segna tanto, 10 reti, ma subisce anche abbastanza, con 7 reti subite, mentre il FC Messina ha una spettacolare difesa, solo due reti subite, mentre il reparto offensivo ha prodotto solamente cinque reti.

Al quinto posto, come detto, troviamo il Licata, che ha raccolto 12 punti, esattamente come il Biancavilla, che ha ottenuto esattamente 4 vittorie e 2 sconfitte. Uno degli aspetti più interessanti delle statistiche che riguardano il Licata troviamo i soli 4 gol subiti, una delle migliori difese di tutto il girone I, ma al tempo stesso è ottima anche la produzione in fase offensiva, con 10 reti messe a segno.

Poi c’è il Santa Maria Cilento, a quota 11 punti, frutto di tre vittorie, due pareggi e una sconfitta. Poco più indietro troviamo l’altra squadra di Messina che, come il Castrovillari, ha raccolto 8 punti, ma entrambe le squadre hanno una gara da recuperare e potrebbero raggiungere il Santa Maria Cilento.

La zona “calda” della classifica

Anche nella parte centrale e bassa della classifica, l’equilibrio regna sovrano. Si parte dalla decima posizione, dove troviamo a pari merito a quota 7 punti il Paternò e il Dattilo 1980. Poco più indietro, a quota 6 punti, ma con una gara in meno, c’è il Città di Sant’Agata. A quota 5 punti c’è il Rotonda, che arriva da due sconfitte consecutive e non vince da tanto, troppo tempo.

Al quattordicesimo posto, in fondo alla graduatoria del girone I della Serie D c’è il Troina, in compagnia del Gelbison, a quota 4 punti in sole 4 gare, con la possibilità di tornare più in alto la classifica, dovendo recuperare due partite. Ancora più in fondo, c’è Marina di Ragusa a quota 3 punti, mentre più in basso c’è solo il Rende, a 2 punti e, in fondo, il Roccella, che non è riuscito ancora a raccogliere un solo punto, con cinque sconfitte in cinque gare, con due soli gol segnati e ben 11 subiti.