È difficile quantificare le volte che ci siamo occupati di situazioni dai contorni emergenziali che ledono, in primis la salute pubblica, poi l’immagine di una città che arranca a trovare soluzioni a problematiche ancora in stallo. Lo sono altrettanto i punti dove la circostanza è sempre stazionaria, attuale e non si avvertono margini di miglioramento. Tra le aree in questione vi è anche quella della strada comunale Montesole Cuti Cascino e, chi tenta di imboccarla, (nonostante sia segnalata da un cartello che ne indica il dissesto e di procedere con prudenza) si trova prima tra le ville in stile Liberty E. Vecchio Verderame e La Lumia. Poi al cospetto di uno scempio di rado sottoposto ad un monitoraggio. Difatti proprio a ridosso del ciglio stradale è stato rilevato nuovamente del materiale inquinante accatastato. La presenza di amianto e di altri rifiuti, dai servizi igienici ai mobili di ogni genere. Sono state fatte diverse campagne in merito ed è paradossale come non vi sia una presa di coscienza allo scopo di assumere senso civico e di responsabilità nei confronti del territorio. Asseriamo che l’emergenza con dovuta quarantena non ha portato a certi soggetti a sviluppare un minimo di criterio.

Salvatore Cucinotta