“C’è un albero per ogni uomo che ha scelto il bene”.
E’ lo slogan che hanno scelto all’istituto comprensivo “Guglielmo Marconi” di Licata, guidato dal preside Maurilio Lombardo, per inaugurare, ieri mattina, il “Giardino dei giusti”.
A tagliare il nastro inaugurale sono stati il sindaco Giuseppe Galanti e Tiziana Alesci, vice preside del “Marconi”.
L’iniziativa rappresenta un ideale seguito del progetto “Sentinelle della Legalità” che la scuola, in collaborazione con la “Fondazione Caponnetto”, ha realizzato insieme al Comune di Licata. All’ideazione del “Giardino dei Giusti” hanno lavorato l’insegnante Carmelina Di Rosa, referente per la legalità del “Marconi” e, su delega del sindaco Galanti, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune Violetta Callea.
A donare gli alberi e le piante messi a dimora è stata l’associazione Procivis, presieduta da Aldo Profeta.
“Il “Giardino dei giusti” è un luogo – spiega Tiziana Alesci – che verrà ampliato e custodito gelosamente dai nostri alunni, perché è anche attraverso la memoria e il ricordo che si educa al rispetto della vita, dell’amore e delle regole. Un ringraziamento al Comune per la fattiva collaborazione nella realizzazione del giardino, alle forze dell’ordine intervenute, ai volontari per il loro lavoro e un grazie particolare ai nostri meravigliosi alunni per il loro messaggio di giustizia e amore”.