Homepage Benessere Spazio benessere: Il buon cibo fin da piccoli…

Spazio benessere: Il buon cibo fin da piccoli…

161

 

Da mamma di una bimba di 5 anni e di una di pochi mesi scrivo l’articolo pensando alle mie figlie.

Il comportamento alimentare dei nostri figli è spesso dettato dall’esempio che hanno a casa. Iniziamo dalla colazione, mostriamo ai nostri bimbi che  è un pasto importante e pertanto anche mamma e papà seguiranno questa regola.

La  giornata non inizia a scuola con la ricreazione! La giornata a scuola è lunga e impegnativa e devono arrivare  in classe pieni di energia e di concentrazione.  La soluzione per una buona colazione potrebbe essere uno yogurt greco bianco con aggiunta di un cucchiaino di buon miele e di un gustoso muesli fatto in casa ( frutta di stagione, fiocchi di avena bio, mandorle, uvetta e un paio di quadratini di cioccolata fondente grattugiata). Prendete i singoli alimenti e poneteli dentro una tazza capiente, questo è un lavoro che potete fare la sera prima per praticità, conservando il tutto con uno strato di pellicola sulla tazza. Un’ottima alternativa potrebbe essere del pane integro tostato con la marmellata bio oppure una fetta di torta fatta in casa con pochi ingredienti ma genuini. Per la merenda niente paura,  un  panino con la marmellata (meglio fatta in casa se abbiamo la pazienza) o con il prosciutto potrebbe essere una soluzione pratica e nutriente. Oppure ancora un muffin genuino preparato insieme ai nostri bimbi.  Per i più coraggiosi frutta e mandorle sono ok!

Per il pranzo non devono mancare i carboidrati, i nostri bimbi saranno impegnati il pomeriggio in attività sportive, ludiche o semplicemente dovranno concentrarsi a svolgere i compiti e hanno bisogno ancora di energia. Ottimo quindi un piatto di pasta (preferibilmente con verdure o con pomodoro) da poter sostituire con riso basmati, ma anche nero o rosso, cous cous o zuppa di cereali. I bambini vanno stimolati anche con pietanze nuove! Al primo si possono aggiungere i legumi, del pesce per creare dei deliziosi piatti unici  o un uovo con del prosciutto sgrassato per preparare una squisita carbonara (piatto unico semplice e gustoso). Accompagnare con delle verdure crude o cotte al vapore sarebbe l’ideale, magari cercando di variare spesso i colori.

Ogni tanto fategli scegliere il menù, si sentiranno grandi e responsabili. Se la vostra scuola prevede un servizio mensa non abbiate timore, i vostri bambini, per emulazione,  mangeranno tutto quello che verrà messo loro nel piatto, verdure comprese!

Il pomeriggio preferite la frutta o un estratto di frutta , i vostri  bimbi potrebbero gradirlo di più e avranno comunque assunto vitamine, minerali ed enzimi. Voi invece avrete la certezza di ciò che bevono (niente succhi di frutta, sono cibi-spazzatura).

Per la cena preferite un secondo semplice e poco elaborato (più facilmente digeribile) con del pane (di grano nostrano) e verdure colorate, se preferite potete optare per un piatto di pastina con parmigiano ogni tanto durante la settimana, che tende a conciliare il sonno dei vostri bambini.

Fatevi aiutare a cucinare, impastare e mescolare ma anche coltivare piantine aromatiche nel balcone di casa, si sentiranno coinvolti. Elencate loro gli ingredienti necessari per la torta o la pizza durante la preparazione, fatevi aiutare anche a dosare gli ingredienti.  Mettete sulla tavola un bel centrotavola pieno di frutta colorata così che loro possano abituarsi a vederla per casa ma non forzateli a mangiarla. Fate diventare la merendina o le caramelle un premio per una buona azione o un buon voto! Abituateli al buon cibo e ai profumi di casa, li ricorderanno da grandi…Accompagnate i vostri bimbi a fare attività pomeridiane, soprattutto attività fisica. I bambini che svolgono regolare attività fisica oltre ad essere più in forma e più sani sono anche più concentrati a scuola, più socievoli con gli altri bambini e più rispettosi delle regole.

Non imponete ma spiegate. Soprattutto date l’esempio. Capiranno più di quanto immaginiate.

Parola di mamma e di esperta in alimentazione!

Sandra Greco