24049_NpAdvHoverI tre consiglieri del gruppo consiliare del Partito Democratico, Vincenzo Sica, Tiziana Alesci e Giacomo Burgio, hanno presentato un’interrogazione scritta al Sindaco relativa alle scelte fatte dalla Giunta con deliberazione n° 116 del 4 luglio, in merito alla riorganizzazione dei servizi dei dipartimenti. Pur condividendo l’obiettivo dell’Amministrazione di rafforzare il Corpo di Polizia Municipale “negli ultimi anni ridotto allo stremo – si legge testualmente  nell’interrogazione – a nostro avviso, per incauti ed arbitrari trasferimenti che hanno determinato uno sforzo ed un carico di lavoro maggiore per gli attuali e pochi Agenti in servizio che quotidianamente si spendono per la sicurezza della città”. Dopo avere premesso di comprendere le problematiche e le emergenze affrontate dall’Amministrazione, i tre consiglieri interroganti così testualmente aggiungono: “Tale determinazione viene ritenuta da questo gruppo un atto unilaterale, in quanto ha determinato una disparità di trattamento del personale; tale presunta riorganizzazione doveva essere determinata e correlata da criteri preventivamente stabiliti, che ancora e ad oggi non risultano chiari. Tale atto, all’indomani della tornata elettorale, ci sembra più che un atto amministrativo e trasparente e migliorativo del servizio offerto ai cittadini, un’azione favoritiva per alcuni dipendenti e punitiva per altriChiediamo pertanto al Signor Sindaco di rivedere in toto la determinazione di G.M. n° 116 del 4 luglio 2013, portando a conoscenza il Consiglio Comunale tutto, delle reali motivazioni che l’hanno determinata”.