12118990_10207784261395241_3242241615791903946_nDopo la tromba d’aria passata su Licata stamattina, il comparto agricolo è in ginocchio. Centinaia di serre e tunnel sono state spazzate via di peso con annessi rivestimenti in metallo e legno. Qui i danni economici sono notevoli (nell’ordine di milioni di euro) con gli addetti ai lavori giustamente in grande ansia. Nessuna zona agricola è stata risparmiata con danni di varia entità sia sul versante orientale che occidentale della città. Dal Comune è stato chiesto alla Regione lo stato di calamità naturale.

“Dai primi sopralluoghi effettuati – si legge nella missiva a firma del sindaco Angelo Cambiano – emergono numerose situazioni di pericolo e danni diffusi su estese proporzioni di 12144728_10207784259835202_7364815826941246597_nterritorio comunale: tetti scoperchiati, alberi e muri abbattuti, impianti pubblicitari divelti”. Cambiano evidenzia poi che “i danni maggiori sono stati riscontrati nel territorio agricolo con devastazione completa di alcune contrade dove insistono serre, tunnel con annesse colture e recinzioni”. Da lì, la richiesta di valutare i presupposti per la concessione dello stato di calamità naturale.

Per martedì è stato intanto convocato un Consiglio comunale urgente per trattare la questione.