Nel pomeriggio di ieri, in Piazza Duomo, il conducente di un’autovettura che allo stato viene attivamente ricercato dalla Polizia Municipale, si sarebbe reso responsabile del volontario tentativo di investire una Ausiliaria della Sosta che lo aveva poco prima sanzionato. Il gesto è stato peraltro solo l’epilogo della vicenda iniziata con insulti, minacce e la “ripresa fotografica” dell’Ausilaria che tentava di fermarlo ai fini dell’identificazione. Inevitabile la condanna del gesto da parte del comandante della Polizia Municipale di Piazza Libia, Giovanna Incorvaia, che commenta così l’episodio: “L’ignobile gesto, reso se possibile ancor più grave dal fatto di essere stato perpetrato ai danni di una ragazza, disegna uno spaccato di inciviltà e di imbarbarimento di parte della nostra società che non ci fa per nulla onore. Occorre che la parte sana di questa Città che è certamente la maggioranza, abbia un moto di orgoglio e unendosi a me nel condannare il vile gesto, si riappropri delle proprie antiche tradizioni di civiltà, tolleranza, rispetto dell’altro e delle altrui cose e, prime fra queste, di quelle pubbliche. Da parte mia – conclude il comandante Incorvaia – assicuro che il responsabile sarà presto identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria. Ed assicuro altresì che non resterà impunito alcuno di chi dovesse osare di usare violenza ai danni degli Operatori della Polizia Locale o in quelli degli Ausiliari, sebbene da essa non dipendenti ma che con essa collaborano. E, a proposito, approfitto per significare che l’Ausiliario della Sosta, benché non dipendente del Comune ma da Ditta privata, nell’esercizio delle proprie funzioni, riveste la qualità di Pubblico Ufficiale con potere di elevare e contestare infrazioni al Codice della Strada e possono a tal fine identificare i trasgressori chiedendo loro documenti e generalità. E gli Utenti hanno l’obbligo, sottolineo l’obbligo, di farsi identificare. La loro limitazione – conclude Giovanna Incorvaia – é costituita dal fatto che possono sanzionare solo i veicoli in sosta sulle strisce blu e quelle che con queste dovessero interferire”.