STUDENTESCA-2A testa alta sul parquet del Basket Cefalu’. Nella “bella” play-off la Studentesca Licata cede le armi agli avversari bloccandosi ai quarti di finale. Risultato 75-68. Sette punti di differenza con un quintetto mai domo e sempre sugli scudi per accarezzare il sogno di accedere alla semifinale. La Studentesca Licata, dopo aver pareggiato i conti mercoledì scorso, al PalaFragapane, superando la formazione del tecnico Fiasconaro per 83-73 hanno lanciato il guanto della sfida nella gara decisiva per il passaggio del turno. Ieri grinta e cuore pero’ hanno dovuto fare i conti con una panchina corta e con gli avversari che disponevano oltre che dei cambi anche del sostegno dei propri tifosi che hanno gremito il Pala Tricoli. Onore agli avversari ma onore alla Studentesca Licata e alla società che ha perfino rischiato, per via delle casse magre, di non iscrivere la squadra al torneo. Invece il miracolo di comporre una formazione “operaia” e’ riuscito al “tuttofare” Dario Provenzani e agli amici della società che hanno allestito un roster al quale si chiedeva la salvezza. Invece ecco i nostri “moschettieri” arrivare sino in fondo e sfiorare il sogno di una finale per il salto di categoria. La Studentesca Licata, vera mina vagante del torneo, merita un palcoscenico diverso. La società ha tutte carte in regola per realizzare un sogno di una intera città. Ieri a Cefalu’ il match si e’ concluso tra gli applausi del pubblico presente e tra i complimenti alla Studentesca Licata che ha messo alle corde la prima della classe del girone “A”.