Pubblicità

Stato di calamità per Licata e i territori colpiti dal maltempo di Novembre, Forza Italia rivendica il proprio ruolo nella decisione del Governatore Musumeci.

Grazie al tempestivo interessamento dell’Amministrazione Comunale di Licata e alla solerte collaborazione di Forza Italia, il territorio di Licata è stato inserito dal Governo Regionale nell’elenco dei comuni che hanno diritto di accedere ai fondi regionali per riparare i danni subiti per calamità e per alluvioni nei mesi di Settembre, Ottobre e Novembre e a mettere in sicurezza il territorio.

In particolare – così come accertato dal dipartimento della Protezione civile della presidenza della Regione Siciliana – le zone dell’Agrigentino sulle quali si sono abbattute trombe d’aria e forti temporali che hanno provocato allagamenti in aree urbane, frane, esondazioni di corsi d’acqua, crolli di infrastrutture e di alberi e interruzioni nei collegamenti stradali e ferroviari, sono oltre al capoluogo, Licata, Cammarata Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Racalmuto e Ribera.

Tecnicamente, la giunta di Palazzo Orleans ha chiesto per i nuovi territori colpiti l’estensione della dichiarazione dello stato di calamità deliberata lo scorso primo novembre, sollecitando la relativa dichiarazione dello stato di emergenza alla Presidenza del Consiglio dei ministri.

Forza Italia, come in questa circostanza, è e rimarrà sempre vigile per salvaguardare gli interessi della comunità licatese a sostegno dell’amministrazione comunale.

Rosario Cilia – Commissario cittadino Forza Italia