Il responsabile provinciale del Sindacato Italiano Balneari, Angelo Biondi, interviene per evidenziare quanto accaduto ieri a Mollarella e Poliscia dove la sosta selvaggia l’ha fatta da padrona.

Intervengo – sia nella qualità di presidente del Sib, sia da cittadino di questa amata città – per segnalare a chi di dovere la problematica del parcheggio selvaggio che ieri ha letteralmente bloccato il traffico in entrata ed uscita dalle località balneari di Mollarella e Poliscia. Per più di un’ora e mezza, dalle 19,30 alle 21, è stato un vero inferno, nel quale sono rimasto personalmente coinvolto. Bloccato in macchina a sudare ed ad imprecare, per colpa di alcuni numerosi irresponsabili ed incivili, che hanno parcheggiato le loro vetture in piana curva, sia a destra che a sinistra, in zone con tanto di divieto di sosta e in ogni dove c’era un buco libero. Mi chiedo: se ci fosse stata un’emergenza, qualcuno da trasportare in ospedale, un soccorso urgente, come dare aiuto?
Purtroppo, debbo costatare che da un po’ tempo a questa parte, Licata è considerata da non pochi residenti e villeggianti, una città dove ognuno può fare ciò che gli pare e piace. È necessario fare qualcosa, le domeniche a venire di agosto, riproporranno questa assurda situazione. Chi di dovere corra ai ripari, non si può sperare sempre nell’aiuto di Dio.

Angelo Biondi – Responsabile provinciale SIB