Il Tribunale del Riesame di Palermo ha accolto l’appello della Procura e ha ordinato gli arresti domiciliari per il deputato regionale siciliano dei Popolari e autonomisti Carmelo Pullara. Il parlamentare è indagato nell’ambito dell’inchiesta “Sorella sanita’”, su una serie di presunte corruzioni e turbative d’asta nell’ambito degli appalti per le forniture a ospedali e aziende sanitarie provinciali. A decidere sull’applicazione della misura cautelare sarà adesso la Cassazione.

Pullara ha rilasciato questa breve dichiarazione: “Non posso crederci! Ho assistito personalmente all’udienza e devo dire che tutto mi aspettavo tranne che questa decisione anche perché le argomentazioni portate avanti dalla pubblica accusa in fatti ed atti non risultano vere. Ciò non di meno le decisioni si accettano. Con fiducia attenderò il giudizio della cassazione sperando di mettere fine a questa per me assurda vicenda”.