archeo (Small)Riportiamo integralmente il comunicato diffuso dall’assessore Vincenzo Salerno sull’apertura ai visitatori dell’area archeologia della Grotta Zubbia.

“Il 12 e il 13 ottobre 2013 ricorre il decennale della manifestazione “Giornate Nazionali di Archeologia Ritrovata: il Comune di Palma di Montechiaro in collaborazione con la Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Agrigento, vi prende parte aprendo ai visitatori l’area archeologica di Grotta Zubbia, fino ad oggi fuori dai circuiti di visita e fruizione turistica.

L’ iniziativa, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, si avvale delle forze del volontariato sociale rappresentato dall’ associazione Gruppi Archeologici d’Italia e il Gruppo Archeologico Xoànon di Palma di Montechiaro che fattivamente collaboreranno alle visite guidate all’interno del sito.

Lo scopo dell’iniziativa è quello di promuovere la conoscenza, valorizzazione e la tutela dei beni culturali che rischiano di essere dimenticati e cancellati dalla memoria storica della collettività.

Essa si colloca nell’ambito di un più vasto programma avviato dalla Soprintendenza, Unità Operativa per i Beni Archeologici, finalizzato alla gestione e valorizzazione integrata dei siti archeologici della provincia. Il programma, realizzato in collaborazione e piena condivisione con le amministrazioni comunali, svolge un’importante funzione sia ai fini della preservazione dei beni. sia per la promozione e sostegno dello sviluppo economico delle comunità locali.
Tale coinvolgimento, innalza infatti la sensibilizzazione verso il patrimonio culturale, intesa come capacità dei cittadini di riconoscere la loro identità in quel patrimonio, di riconoscerlo come proprio e, di conseguenza, di cooperare per la sua conservazione. Il progetto di fruizione e dei percorsi di visita saranno presentati da Bernardo Agrò e da Nuccia Gullì.

L’apertura alla visita e pubblica fruizione dell’area archeologica di Grotta Zubbia, nell’ambito della manifestazione Giornate Nazionali di Archeologia Ritrovata, è una prima iniziativa fortemente voluta dal Sindaco Pasquale Amato e che si inserisce nell’ambito di un progetto in corso di elaborazione di un articolato itinerario di visita della città che ne contempli le molteplici e straordinarie ricchezze quale quelle naturalistiche, storico-artistiche, architettoniche, etno-antropologiche e, naturalmente, archeologiche”.

L’ assessore al Turismo, Vincenzo Salerno, che ha personalmente coordinato le attività di riqualificazione del sito di Grotta Zubbia mosso dalla convinzione che “il patrimonio culturale di Palma di Montechiaro possa essere un volano per lo sviluppo economico della città, nonché occasione unica per la cittadinanza di riappropriarsi della memoria storica della propria città, attraverso occasioni di contatto con la natura e con la storia del luogo”.