Domani, venerdì 13 novembre, giornata di mobilitazione nazionale a sostegno dei lavoratori della sanità, impegnati in prima linea nel contrasto alla terribile seconda ondata di contagi di Covid-19. Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa a sostegno del personale per rivendicare: sicurezza, assunzioni e contratti.

“Pubblico per il pubblico, lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini” è lo slogan che unirà tutti i presidi d’Italia, che si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme sulle manifestazioni pubbliche contenute nel Dpcm del 3 novembre 2020.

A partecipare saranno non soltanto i rappresentanti dei professionisti della sanità, ma tutti i lavoratori del pubblico impiego, in segno di solidarietà verso il personale sanitario che, nonostante sia fondamentale per il contrasto alla pandemia e stia lavorando con enorme abnegazione, ha il contratto nazionale di lavoro scaduto da oltre 23 mesi e spesso si trova ad operare senza i necessari dispositivi di sicurezza.

Al presidio di Palermo, in programma dalle ore 10 alle ore 12 nel piazzale antistante l’ospedale Civico(via Lazzaro), interverranno, oltre ai Segretari generali territoriali, i Segretari generali delle Federazioni della Funzione pubblica in Sicilia, Gaetano Agliozzo, Paolo Montera ed Enzo Tango, e i Segretari generali delle Confederazioni regionali di Cgil, Cisl e Uil, Alfio Mannino, Sebastiano Cappuccio e Claudio Barone.

Ecco gli appuntamenti nelle altre province siciliane:

 Catania ore 10-12 davanti alla sede dell’Asp (via S. Maria La Grande)Siracusa ore 9.30-11.30 davanti all’Ospedale “Umberto I” (via Testaferrata)

Trapani ore 10-12 davanti al Covid hospital di Marsala Ospedale “Borsellino” (c.da Cardilla)

Ragusa ore 10-12, piazzale antistante l’ospedale “Giovanni Paolo II” (c.da da Cisternazzi)

Caltanissetta ore 10-12 davanti all’Ospedale “S. Elia” (via Russo)

Agrigento ore 10-12 davanti all’Ospedale San Giovanni Di Dio (c.da Consolida).