Pubblicità

POL. MUNICIPALE ORDIGNO BELLICOSta assumendo proporzioni notevoli l’indagine condotta dal comando di Polizia municipale di Piazzale Libia in sinergia con il Genio civile di Agrigento per reprimere il fenomeno dei pozzi d’acqua irregolari. Sarebbe stato accertato che l’acqua estratta dal sottosuolo in diversi casi è servita per riempire le cisterne di autobotti poi utilizzate per approvvigionare abitazioni e residenze private, facendo quindi un uso improprio e non consentito delle acque e riducendo notevolmente le risorse idriche che sono poi venute a mancare agli agricoltori. L’indagine avrebbe preso avvio dalle segnalazioni che alcuni agricoltori avrebbero fatto pervenire alla Procura, alla Prefettura e al comando di Polizia Municipale coordinato dal commissario Giovanna Incorvaia. In buona sostanza gli agricoltori, trovando i propri pozzi vuoti e stanchi di subire il depauperamento delle risorse idriche da destinare ai campi, hanno deciso di rivolgersi alle autorità per reprimere il fenomeno dell’emungimento di acqua ad opera di chi preleva il liquido non per scopo irriguo ma, in alcuni casi, per rivenderla.