Due pizzerie sono state multate dagli agenti dell Polizia Municipale per aver lavorato “a porte aperte” malgrado le ordinanze parlino chiaro e si possa effettuare solo la consegna a domicilio.

“Abbiamo dovuto multare due pizzerie che non avevano recepito l’obbligo di rimanere a porte chiuse e di doversi limitare a ricevere le ordinazioni per telefono ed a consegnare i prodotti a domicilio – scrive il comando di Polizia Municipale – Ribadiamo, affinché nessuno possa continuare a farsi male dando a noi la colpa di essere “senza coscienza” (come é successo stasera), che oltre alla sanzione di 280 euro é previsto che il Prefetto disponga la chiusura della attività da 5 a 30 giorni. Nei giorni scorsi era toccato a parrucchieri, negozi, artigiani, bar. A noi piacere non fa. Ed ai “buonisti” diciamo che osservare le regole oltre che doveroso é indice di rispetto nei confronti di chi vi si attiene. E che difendere a tutti i costi chi sceglie di violare le norme equivale a dare del fesso a chi le rispetta. Confidiamo che si voglia tutti collaborare evitando il ripetersi di situazioni spiacevoli di cui non sentiamo assolutamente il bisogno”.