Numerose le reazioni in seguito all’operazione Halycon della DDA di Palermo.

Il PD Licata – L’ulteriore vicenda, che riporta la nostra città alla ribalta della cronaca, ci spinge, come Partito Democratico, ad una attenta riflessione su quanto accaduto e a rimarcare con forza il bisogno di un percorso di legalità per la nostra terra, libero da ogni forma di condizionamento, da linee d’ombra che possano offuscare il corretto andamento della vita politica, lavorativa, sociale e culturale. Confidiamo, come sempre, nell’attento lavoro della magistratura, auspicando un maggiore e continuo controllo del territorio ed un maggiore rigore morale dalla società tutta.

Francesca Platamone, presidente circolo Lega Licata – Mafia e massoneria a braccetto. È il legame che viene rivelato dall’inchiesta antimafia della Dda di Palermo. Apprendiamo e prendiamo atto di quanto emerso, con l’amarezza di dover constatare come il nostro territorio sia teatro di un modello sociale speculativo che s”intreccia e s”incardina nella nostra comunità. Non possiamo che essere grati ad “operazioni” di questo tipo, perché ci danno la certezza che la strada verso la legalità è sempre quella da perseguire.

Angelo Rinascente, Presidente associazione “I Delfini” – Esprimiamo grande fiducia e partecipazione alla Magistratura e alle Forze Dell’Ordine per il grande lavoro svolto sul territorio in questi mesi. Lavoro che ha risvegliato le coscienze dei cittadini licatesi e la speranza di una giustizia sociale uguale per tutti. Naturalmente essendo garantisti fino in fondo ci riserviamo di esprimere un giudizio più esteso e completo solo ad a conclusione delle indagini