Dopo lo sciopero degli operatori ecologici del cantiere di Licata della scorsa settimana, prende posizione l’ex assessore con delega alla Gestione dei Rifiuti Antonio Pira.

Il caso degli operatori srr che sono rimasti senza collocazione e quindi senza stipendio: è imbarazzante il silenzio dell’amministrazione, che fin da subito insediata è venuta a conoscenza di questo problema. Problema peraltro causato da chi ha fatto la gara (cioè srr) che non ha tenuto conto di questi operatori. Nello specifico parliamo:

Non sono transitati nel servizio, per incompatibilità tra la mansione con la quale sono stati assunti e richiesti come invalidi all’ufficio del lavoro (rispettivamente meccanico e custode) e quella che gli si vorrebbe in fare svolgere e che per le loro limitazioni fisiche non possono assolutamente svolgere (rispettivamente autista e operatore ecologico).

Non sono, inoltre transitati:
I tre Lavoratori a ridotte mansioni, conseguenti a infortuni o malattie correlate all’attività lavorativa. A queste 3 unità dovrebbe aggiungersene un’altra che ha avuto un infarto ed è completamente inidoneo. Per lui la SRR sta avviando o ha già avviato le procedure di licenziamento.

Dall’avvio del nuovo Servizio (2.3.2020) e per alcuni mesi detti lavoratori sono stati retribuiti. In atto qualcuno non ha ricevuto lo stipendio di aprile, mentre per tutti si aspetta, se arrivano, quelli di maggio e giugno. In atto, quelli di loro che non sono in malattia o in ferie, prendono servizio all’autoparco ma non ricevono disposizioni da nessuno.

Niente si è ancora capito sul loro futuro.

Chiedo cortesemente al sindaco Galanti di farsi carico di questa ingiustizia sociale e di ridare dignità e serenità a questi lavoratori.
Lo stesso appello va al suo vicesindaco Avv. Montana, essendo uomo di legge metta in campo tutta la sua esperienza e sapienza.

Infine l’appello è rivolto al presidente del consiglio, che tanto sostiene l’amministrazione, si faccia carico di questa vicenda scabrosa. Il segno della vostra non attività amministrativa Licata lo subirà a lungo, almeno lasciate un ricordo positivo, questi dipendenti aspettano risposta. La città deve stringersi attorno questi dipendenti.

Antonio Pira – ex assessore alla Gestione dei Rifiuti