image015Nel tardo pomeriggio di domenica a Licata, nella spiaggia di “Mollarella”, militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Licata hanno arrestato in flagranza di reato Dahaman Hassan, 24enne tunisino, ma residente a Palma di Montechiaro, munito di regolare permesso di soggiorno, pregiudicato, e deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un minorenne egiziano, pure lui residente a Palma, per concorso in furto aggravato. I due, dopo avere trafugato un marsupio custodito sotto l’ombrellone di uno dei tanti bagnanti presenti sulla spiaggia, essendo stati individuati da alcune persone ivi presenti, tentavano di darsi alla fuga a bordo della loro autovettura. Dopo un breve ma concitato inseguimento da parte di due militari dell’Arma dei Carabinieri ed uno della Guardia di Finanza, occasionalmente presenti sul posto, liberi dal servizio, anch’essi in costume da bagno, sono stati così acciuffati ed assicurati alla Giustizia. L’arrestato è stato pertanto posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per il rito direttissimo ed il minore deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo. Grande sollievo per l’agricoltore che si è visto restituito dai Carabinieri di Licata il proprio marsupio, all’interno del quale, oltre al portafogli con una piccola somma di denaro, teneva custoditi documenti personali vari, due telefoni cellulari, le chiavi di casa e della propria automobile. L’immediato intervento delle Forze dell’Ordine, ha anche consentito di evitare che i due fossero aggrediti dalla folla che nel frattempo si era accalcata sul luogo dell’evento, incuriosita ed animata per l’azione delittuosa dei due malfattori.