polisportiva logoE’ una ferma e orgogliosa presa di posizione quella dell’ASD Polisportiva Palma dopo alcune dichiarazioni apparse sui mezzi di comunicazione che non sono affatto piaciute. Innanzitutto, i dirigenti rosanero hanno voluto precisare la situazione relativa allo stadio comunale.

“Il 3 luglio si è tenuto un incontro tra la dirigenza della squadra ed il sindaco Amato, il vicesindaco Balistreri e l’assessore Salerno. L’incontro è stato molto chiarificatore e proficuo. Si è, infatti, raggiunto un accordo ed è stato definito un cammino comune  per quanto riguarda il progetto Polisportiva Palma nel medio-lungo periodo. L’amministrazione comunale – si legge nel comunicato diramato – si è ufficialmente impegnata per la sistemazione della gradinata in ferro e del relativo collaudo il quale è già stato redatto”. Quindi i dirigenti della Polisportiva  Palma hanno rivendicato con orgoglio il fatto che la squadra sia ormai da anni l’unico punto di riferimento del calcio dilettantistico e agonistico palmese. “In soli 3 anni – hanno sottolineato i dirigenti rosanero – siamo riusciti a scalare le categorie e, guadagnando una promozione all’anno, nella prossima stagione affronteremo con orgoglio ed umiltà il campionato di prima categoria”.

I dirigenti della compagine palmese hanno poi evidenziato anche il fatto che questi risultati sportivi sono stati ottenuti in un periodo di crisi e senza il sostegno economico da parte del Comune, di cui il calcio aveva goduto in passato. “Il calcio a Palma di Montechiaro non è dunque morto, ne’ tantomeno ha la necessità di un rilancio, come qualcuno asserisce, anzi è vivo più che mai”.

In definitiva, per la società rosanero è grazie all’impegno e alla dedizione della dirigenza della Polisportiva che molti talenti palmesi sono stati lanciati e che il calcio a Palma è stato collocato “in una posizione più consona alla storia calcistica palmese, storia gloriosa e blasonata ma che si stava pian piano offuscando per colpa di una crisi sportiva della Città del Gattopardo”.