Pubblicità

Licata saluta il Cavaliere Giovambattista Platamone, figura storica della politica licatese e provinciale. Sindaco di Licata nella seconda metà degli anni Ottanta, è stato primo cittadino durante l’irripetibile epopea del Licata calcio tra i Professionisti. Ragioniere, Funzionario comunale, ha rivestito la carica di vicepresidente della Provincia di Agrigento all’inizio degli anni 90. Più volte consigliere comunale, è stato uno dei politici più al passo coi tempi e tra i rappresentativi e seguiti della città di Licata e della provincia di Agrigento.
Il 2 Giugno 1988 gli è stata conferita l’onorificenza di Cavaliere dall’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga.
Componente storico della Confraternita della Misericordia di San Girolamo, Licata perde una delle più vive memorie cittadine.

I funerali si svolgeranno venerdì alle ore 17 in Chiesa madre

Il saluto del Comune di Licata

Si spento Giovambattista Platamone, già sindaco di Licata e per tanti anni dirigente del Comune di Licata.

Il sindaco Pino Galanti, i componenti la giunta comunale, ed il presidente del consiglio comunale Giuseppe Russotto, rivolgono ai familiari i più sentiti sentimenti di cordoglio.

“Con la scomparsa – sono le parole del sindaco Pino Galanti – di Giovambattista Platamone, Licata e l’intera provincia di Agrigento, perdono un importantissimo patrimonio di esperienza ed autorevolezza. Saluteremo Giovambattista Platamone partecipando, con il labaro del Comune ed il picchetto d’onore della Polizia Municipale, ai funerali che si terranno venerdì”.

Cordoglio e condoglianze alla famiglia Platamone sono state espresse anche dal presidente del Consiglio comunale Giuseppe Russotto a nome dell’intero civico consesso.