Un imprenditore licatese di 47 anni nel campo delle onoranze funebri è stato fatto segno di un atto intimidatorio. 4 colpi di pistola sono stati esplosi contro l’auto dell’uomo (una Toyota) e un sacchetto di proiettili è stato lasciato sul parabrezza. Il fatto si è verificato nella notte tra lunedì e martedì e le indagini sono state avviate dai Carabinieri della Compagnia di Licata che hanno sentito la vittima dell’intimidazione. L’autore o gli autori del gesto non sarebbero stati ripresi da alcuna telecamera di videosorveglianza poichè nessun impianto sarebbe presente in zona. I Carabinieri non stanno trascurando alcina ipotesi investigativa.