Pubblicità

 

bruna rosario (Small)Abbiamo intervistato il consigliere comunale di Autonomia Palmese Rosario Bruna per affrontare i temi della politica.

Buongiorno, vorrei chiederle innanzitutto un giudizio sul nuovo consiglio comunale

A parte il fatto che mi sono sentito un orfano e che mi è salita la malinconia, devo dire che in gran parte è formato da giovani, bravi ragazzi ma assolutamente inesperti. Nella vita c’è il bisogno di cambiare e, quindi, se questo consiglio si farà carico di fare delle scelte coraggiose avremo dato un senso a questa legislatura, altrimenti ci limiteremo solo a tirare a campare…

E sulla giunta…

Premesso che amministrare il comune in questo momento è molto difficile, il sindaco sembra avere tutte le qualità e le competenze per amministrare questa città, anche se non mi sembra che abbia iniziato nel migliore dei modi. Gli assessori non mi sembra abbiano molta esperienza a parte Augugliaro. Uno (Vincenzo Salerno, n.d.r.) è assessore per essere stato a Bruxelles. Io che sono stato 3 volte a Colonia cosa dovrei fare? Agata Vinci è alla prima esperienza politica e non ha ancora fatto vedere niente ne di buono ne di cattivo. Augugliaro è un tecnico e uno che ha fatto politica ed è l’unico che potrebbe aiutare il sindaco a smuovere qualcosa in questo comune. Poi ritengo che se si vuole veramente il cambiamento non bisogna fare la guerra delle poltrone. La scelta degli assessori, come avvenuto dopo le dimissioni di Margherita Amico, non deve avvenire su una mera logica di spartizione che porta a rinunciare alla nomina di figure migliori.

Perché dice che il sindaco non abbia iniziato nel migliore dei modi?

Perché si è cercato di fare molto fumo ma di concreto c’è stato poco. Il paese non mi sembra più pulito del passato, tranne per qualcosa vista ad inizio estate. Poi le feste sono costate 35.000 € e non ho capito cosa abbiano portato. Non sono io che devo difendere Rosario Bonfanti ma se pensiamo che ne ha spesi 5.000 € in meno e ha portato un cantante di successo… E poi il sindaco è scivolato in qualche buccia di banana.

A cosa si riferisce?

Mi riferisco al murales di Marina di Palma che pare che non sia stato dissequestrato ma sia stato non convalidato il sequestro dei carabinieri che è cosa ben diversa, in quanto la decisione è dovuta al fatto che non possa essere perpetrato il reato perché il muro era stato già completato. Inoltre, rimane l’accusa di occupazione abusiva di area demaniale. Comunque, attendiamo che la giustizia faccia il suo corso.

L’altra buccia di banana è il concerto di beneficenza con il ricavato destinato all’AFADI perché il signor Giuseppe Mazza (che il sindaco in una articolo di stampa ha dichiarato essere l’organizzatore dell’evento e colui che ha deciso la destinazione della somma, n.d.r.) io non lo evinco dalla delibera, in cui non si parla di alcun vincolo di destinazione delle somme (che dovranno essere utilizzate per il rifacimento delle aiuole del centro AFADI i cui locali sono di proprietà del comune, n.d.r.). Inoltre, non si è capito perché devolvere il ricavato all’AFADI e non ad un’altra associazione di volontariato.

Cosa si aspetta nelle prossime settimane dall’amministrazione?

Mi aspetto che il bilancio di previsione non sia approvato a dicembre, divenendo di fatto un consuntivo. Poi mi aspetto il rispetto degli impegni presi in campagna elettorale dal sindaco, come l’abbassamento delle aliquote IMU.

Un ultima domanda: cosa c’è nel suo futuro politico?

Io ho iniziato a fare politica con Eugenio D’Orsi e continuerò a stare al suo fianco. Insieme a Raffaele Lombardo sta costruendo un nuovo soggetto politico nazionale e a quello aderirò.

Luigi Arcadipane