Dopo la battuta d’arresto subita, la Giunta ha ripresentato in Consiglio comunale il regolamento IMU e la proposta di innalzamento delle aliquote al 6 per mille per la prima casa e al 10,40 per mille per la seconda. Il regolamento IMU, che garantisce delle agevolazioni per gli emigranti e per gli anziani che vivono in case di riposo, è passato questa volta quasi all’unanimità con 11 voti favorevoli e un solo contrario, il consigliere Vincenzo Pace, che ha rimproverato all’amministrazione scarso impegno nella lotta all’evasione.

 Assai più dibattuta è stata, invece, la questione dell’innalzamento delle aliquote IMU dal 4 al 6 per mille per la prima casa e dal 7,6 al 10,4 per la seconda. Un ruolo decisivo nella discussione hanno avuti i dirigenti Gabriella Marino e Rosario Zarbo, che si sono battuti affinché il provvedimento passasse, spiegando come l’innalzamento sia necessario per garantire il pareggio di bilancio e il mantenimento del patto di stabilità. Di parere diverso i consiglieri dell’opposizione che hanno giudicato il provvedimento come una scelta politica. Manganello e Scopellitti hanno sottolineato il fatto che si sarebbero potute recuperare delle ingenti somme, ad esempio, con l’approvazione del regolamento sulle aree edificabili che avrebbero consentito di procedere ad un minore aumento. Cutaia ha, invece, denunciato che il Consiglio è stato oramai spogliato di ogni funzione dal patto di stabilità e ha invitato il Sindaco a farsi promotore di iniziative assieme ad altri sindaci per fare pressione nei confronti della Regione.

 Il provvedimento ha ottenuto il voto favorevole da parte di 7 consiglieri: Romano, Spinelli, Castronovo, Incardona, Brancato, Mangiavillano e Volpe. Hanno votato no Cutaia, Montalto e Pace; si sono astenuti per senso di responsabilità Manganello, Bruna, Scopellitti e Di Salvo.

 Al termine della seduta si è registrato un durissimo scontro tra il Sindaco Rosario Bonfanti e il consigliere Di Salvo. Fuori dall’aula abbiamo sentito il Sindaco Bonfanti e l’assessore Spinelli. Quest’ultimo ha voluto precisare che l’amministrazione comunale è molto attenta alla lotta all’evasione fiscale e sta ottenendo importanti risultati. Il sindaco, invece, ha voluto evidenziare che l’aumento delle aliquote IMU è stato necessario per evitare il dissesto finanziario dell’ente.