E’ una settimana di pellegrinaggi per i fedeli palmesi. Due le mete: la Madonna del Castello e il Miracolo Eucaristico di Cascia.

La prima, secondo una tradizione secolare, si trova presso il convento delle benedettine, dove è arrivata domenica, dopo essere stata una settimana in Chiesa Madre. Dallo stesso giorno è iniziato un incessante pellegrinaggio che, molto probabilmente, continuerà per 30 giorni, ovvero fino a quando non farà rientro nella cappella del castello chiaramontano, anche perché molti fedeli non hanno potuto fare “il viaggio alla Madonna”, per ringraziarla delle grazie concesse, a causa delle cattive condizioni atmosferiche.

Il Miracolo Eucaristico di Cascia, ospitato presso la Chiesa Immacolata, è anch’essa meta di pellegrinaggio da parte dei fedeli, anche perché l’Arcivescovo Mons. Francesco Montenegro ha annunciato che sarà concessa, a quanti visiteranno la Parrocchia B.M.V. Immacolata, durante l’esposizione del “Miracolo Eucaristico”, e parteciperanno ad una celebrazione, il dono dell’indulgenza plenaria di tutti i peccati, rispettando ovviamente le consuete condizioni, ovvero: confessione sacramentale e comunione eucaristica, recita del Padre nostro e del Credo, preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. Il miracolo di Cascia rimarrà esposto all’Immacolata fino a sabato.

Luigi Arcadipane