Guerra in Ucraina, il Trinity college London di Licata organizza una raccolta di beni necessari a quanti sono attualmente sfollati. Questo il messaggio di Laura Scaglione.

La situazione che l’Europa sta affrontando in questo momento è qualcosa di epocale, ed è nostro compito aiutare i rifugiati ucraini, costretti a lasciare la loro casa, i loro affetti, tutto quello che hanno, nel tentativo di salvarsi la vita.
Sono fortemente convinta che il compito della nostra scuola non si debba limitare a quello di insegnare l’inglese, ma anche a dare valori come l’accoglienza, il senso di comunità, la comunicazione universale, con una lingua in comune. I nostri alunni saranno un giorno cittadini del mondo, e proprio per questo la CONDIVISIONE è necessaria.

Negli ultimi giorni mi sono prodigata a cercare rifugi ed organizzazioni in Polonia che si stanno occupando dei rifugiati, e ne ho trovate un paio che si trovano a circa 20 km dal confine ucraino, che già ospitano centinaia di persone. Li ho contattati, ho avuto modo di vedere che effettivamente stanno facendo di tutto per i rifugiati, e mi hanno mandato una lista di quello che hanno maggiormente di bisogno:
– carica batteria vari
– power banks
– coperte
– medicinali (antipiretici, anti diarrea, fermenti lattici, antibiotici, bende, cerotti, acqua ossigenata, disinfettante per pelle, antinfiammatori, spray per il naso, pastiglie per il mal di gola)
– calze calde
– torce elettriche
– maglioni, felpe
– ciabatte per bambini e adulti
– unguenti per irritazioni
– omogenizzati per bambini
– latte in polvere per neonati
– pannolini

Non hanno bisogno di ulteriori vestiti perché già ne hanno molti, ma i maglioni tornano sempre utili. Ho deciso di non organizzare una raccolta fondi perché non c’è nessuna organizzazione della quale mi fido al 100%, ma ugualmente vi chiedo un piccolissimo aiuto economico (senza nessun obbligo, ovviamente, ma considerate che ogni euro sarà un aiuto in più) per spedire i pacchi in questi due rifugi. Da sola non ce la faccio.
Un ulteriore aiuto da parte vostra sarebbe portare presso la scuola dei pacchi di cartone, oppure di portare gli oggetti che deciderete di donare già impacchettati.
Ci stiamo organizzando con alcuni alunni volontari di dividere quello che sarà donato, impacchettarlo ed etichettarlo (medicine con medicine, maglioni con maglioni e così via…).
Voglio sottolineare che da parte mia ci sarà una assoluta chiarezza nel gestire le donazioni, sopratutto quelle economiche. Ogni donazione sarà segnata in forma anonima, e poi vi farò un resoconto delle spese che affronteremo.
Potete portare le vostre donazioni ogni mattina presso la nostra scuola, sita in corso Umberto 53, dalle 10 alle 12:30, oppure di pomeriggio dalle 16 alle 19 circa.

Potete condividere questo messaggio con chi desiderate, più siamo meglio è!
UNITED WE STAND!
Vi ringrazio già anticipatamente, facciamo in modo di aiutare chi è in difficoltà.