L’imprenditore licatese Gaetano Aronica – attualmente sottoposto alla misura di detenzione domiciliare con applicazione di braccialetto elettronico – è stato prosciolto dall’accusa di stalking nei confronti di familiari. Il Gip del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto ha accolto la tesi difensiva proposta dall’avvocato di Aronica, il legale Francesco Cottone, scagionando l’imprenditore ed ex consigliere comunale da queste accuse. Aronica si trova i regime di arresti domiciliari dopo aver esploso quattro colpi di arma da fuoco contro l’ex socio Pino Caico all’altezza di via Grangela nello scorso mese di Luglio con il ferimento di quest’ultimo ad un braccio.