Nelle prime ore della giornata, i militari della Stazione Carabinieri di Naro, unitamente al personale del Nucleo Operativo della locale Compagnia Carabinieri, hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare a Licata emessa dall’ufficio GIP presso il Tribunale di Agrigento nei confronti di: Francesco Sortino, classe 1987, disoccupato, pregiudicato, che veniva sottoposto agli arresti domiciliari e di Salvatore Sciortino, classe 1988, disoccupato, pregiudicato, al quale veniva imposta la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Licata. In particolare le predette misure venivano adottate poiché l’intensa attività investigativa e di riscontro condotta dai militari operanti sotto l’attenta direzione del Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Andrea MAGGIONI, permetteva di raccogliere gravi e concordati indizi di colpevolezza a carico dei 2 fratelli che si erano resi responsabili in concorso di estorsione aggravata continuata ai danni di un agricoltore del luogo che, sottoposto a reiterate minacce, era stato costretto per circa 2 anni a consegnare ai predetti la somma complessiva di circa 5000 euro. Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti che potrebbero far emergere responsabilità anche in capo ad altri soggetti. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva condotto presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.