Palma di Montechiaro. Il depuratore di contrada Piduzzo a Palma di Montechiaro è stato dissequestrato. Il tribunale di Agrigento ha accolto le richieste dell’avvocato Santo Lucia e ha disposto la revoca dellla misura cautelare che era stata decisa lo scorso 4 agosto quando erano stati contestati  reati al sindaco della città, Rosario Bonfanti, al funzionario comunale Salvatore Di Vincenzo, all’assessore ai Lavori pubblici ed al tecnico incaricato dall’impresa privata che ha in gestione la manutenzione del depuratore. Tutti sono stati denunciati a piede libero alla magistratura agrigentina per l’ipotesi di reato di getto pericoloso di cose, scarico non depurato ed inadempimento contrattuale. Al momento del sequestro i Carabinieri erano accompagnati dal personale sanitario dell’Azienda sanitaria provinciale.