Francesca Muscarella, candidata alle prossime elezioni regionali, interviene contro l’affissione abusiva dei manifesti elettorali e in una nota pubblicata sul gruppo Facebook “Quelli che votano Francesca Muscarella” invita gli altri concorrenti ad usare maggiore rispetto per gli avversari politici.

“Mi sto rendendo conto che le campagne elettorali spesso ottundono le intelligenze – si legge nel comunicato – Molti candidati credono che tappezzare le città con i propri faccioni aumenti la visibilità e, pertanto, la possibilità di essere votati. Non solo. All’illegalità si somma la mancanza di rispetto: è prassi coprire i faccioni degli avversari con i loro. Dell’argomento mi occupai già il 18 settembre scorso pubblicando sulla mia pagina Facebook (Quelli che votano Francesca Muscarella) l’invito a rispettare le regole che lo stesso Claudio Fava aveva lanciato durante i suoi interventi pubblici. Riprendo, pertanto, l’invito che un altro candidato licatese fa’ al rispetto della legalità e della bellezza della nostra città ma allargo l’orizzonte delle responsabilità, non solo alle autorità competenti che debbono far rispettare le regole, ma agli stessi candidati perché si facciano portavoce con i loro sostenitori e con i componenti dei loro comitati elettorali, di valori quali il rispetto, la legalità, la sana competizione. Concludo riportando il pensiero di Claudio Fava che sull’argomento aveva dichiarato: “[…] molti credono che più si spende e più si guadagnano consensi. Chiedere il voto tappezzando di manifesti abusivi le città è una pratica che non porta un solo voto. Anzi… Noi siamo per la bellezza, non per l’abuso.”