Il consigliere comunale Angelo Curella interviene per chiedere al Sindaco di accorciare i tempi sulla distribuzione delle deleghe.

Sig. Sindaco, nell’attesa che venga convocato il consiglio comunale e che vengano assegnate le deleghe assessoriali, le condizioni della nostra Città ci mettono di fronte ad una realtà critica su tanti fronti. Come Consigliere Comunale mi faccio portavoce delle tante e legittime lamentele dei licatesi che riguardano la pulizia e il decoro della città. Sollecito una più attenta ed efficace campagna di pulizia. Non sarebbe stato necessario sollecitare interventi di questo tipo se la pulizia ordinaria della città (spazzamento e scerbamento) fosse avvenuta secondo un programma preciso, puntuale ed accurato in tutti i quartieri. Non si tratta di interventi straordinari che necessitano di ulteriori somme a carico delle casse comunali ma di organizzare meglio un servizio che risulta palesemente insufficiente. Inoltre, il mio pensiero va anche al problema del randagismo che sembra dimenticato ma sicuramente ancora irrisolto. Sig. Sindaco sollecito l’assegnazione delle deleghe assessoriali ricordandoLe che la città è in attesa di conoscere anche le linee programmatiche che vorrà portare avanti con la sua nuova maggioranza. Siamo in attesa, ancora, della definizione della questione riguardante le P. O. maggioranza. Siamo in attesa, ancora, della definizione della questione riguardante le P. O. senza le quali l’attività dell’Ente risulta paralizzata con un conseguente danno alle categorie produttive e professionali. La paralisi dell’attività amministrativa si sta prolungando oltre i tempi fisiologici che le dinamiche politiche impongono. La città non può più aspettare, i licatesi iniziano a dubitare. Il consiglio comunale svolge un delicato ed importante ruolo di controllo a cui io non voglio rinunciare. Non possiamo rimanere in silenzio ad aspettare, il 26 Agosto è passato da un po’. Invito i colleghi ad un dibattito aperto su proposte e soprattutto sulla soluzione dei problemi, almeno i più semplici.

Angelo Curella – Consigliere comunale