I consiglieri del gruppo Liberi ed Indipendenti per Licata prendono posizione su delibera 50 e paventata mozione di sfiducia annunciata dal Movimento 5 Stelle.

Riteniamo opportuno offrire il nostro punto di vista sul voto dell’atto di indirizzo, previsto per il 23 dicembre.
Se è vero che l’atto di indirizzo è stato proposto su iniziativa del gruppo politico “Liberi e indipendenti per Licata”, condiviso e cofirmato dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle, in tutto 6 consiglieri d’opposizione, è altrettanto vero che sulla presentazione di tale atto è stata ampia e condivisa l’interlocuzione con i consiglieri di maggioranza ed il Sindaco. Dal voto della delibera 50 ad oggi molte cose sono cambiate sulla scena politico istituzionale, diverse categorie D sono andate in pensione ed altre sono prossime a farlo ed anche l’indirizzo politico della Giunta Galanti è cambiato. Pur restando in opposizione all’attuale amministrazione e monitorando attentamente l’attività amministrativa, riteniamo che l’aver deciso di cambiare rotta sulla dirigenza sia una scelta che dimostra la sensibilità istituzionale dell’uomo e dell’amministratore Galanti, che ha subito manifestato e condiviso l’iniziativa.
Per questo motivo, riteniamo intempestive le esternazioni del Consigliere D’Orsi che in un momento di grande valore istituzionale come questo parla di mozione di sfiducia, col rischio di inasprire gli animi con un approccio politico che può generare equivoci e incomprensioni.
Licata ha bisogno di ritrovarsi sui temi istituzionali e deve essere capace di costruire un dialogo tra le forze politiche. Noi pur rimanendo in opposizione perseguiamo l’interesse cittadino, auspicando che la prossima approvazione dell’atto di indirizzo in consiglio comunale, costituisca la vera svolta per l’amministrazione Galanti.

Gaetano Aronica, Calogero Scrimali, Anna Triglia – Gruppo consiliare Liberi e Indipendenti per Licata