Pubblicità

Vittorio Terranova e Claudia PavoneSi è concluso la sera del 9 febbraio al Teatro Grande di Brescia il Concorso internazionale di canto lirico “Giacinto Prandelli”, intitolato appunto alla memoria del celebre Tenore nato a Lumezzane nel 1914 e deceduto a Milano nel 2010. L’importante appuntamento del quale si sono occupati molti giornali nazionali e le testate giornalistiche di TG5, Studio Aperto, TG4  e Rai3, è giunto alla sua seconda edizione e per l’importanza che riveste può considerarsi un valido trampolino di lancio per giovani cantanti che si affacciano al palcoscenico mondiale della lirica. Vi hanno preso parte 86 giovani artisti provenienti dalle più svariate parti del mondo e tra questi, dopo una accurata selezione preliminare fatta della Commissione esaminatrice, soltanto otto sono stati ammessi alla serata conclusiva di premiazione con concerto finale, svoltasi al Teatro Grande di Brescia. La Commissione composta da direttori d’orchestra, cantanti lirici e direttori artistici del calibro di Enzo Dara, Giuseppe Sabbatini, Alberto Triola, Ruggero Ruocco e Giovanna Sorbi, è stata presieduta dal nostro concittadino Vittorio Terranova. Il Maestro Terranova, che dopo il periodo di fanciullezza è vissuto sempre fuori  Licata per motivi di studio e professionali, è molto legato alla nostra città dove risiedono ancora i suoi parenti più cari ed è conosciuto da tanti licatesi per via del Master Class di Canto Lirico che da parecchi anni svolgere nel nostro Teatro Comunale Re Grillo. Se la città di Licata è diventata sede fissa di un importante appuntamento annuale con la lirica giunto già alla sua settima edizione, lo si deve proprio all’amore che Vittorio Terranova nutre nei confronti della nostra città. Ma torniamo al Concorso Internazionale di Brescia. Tra gli otto artisti che sono giunti alla serata finale anche la nostra concittadina Claudia Pavone che ha confermato la sua eccezionale bravura conquistando, meritatamente, un importantissimo terzo posto. Avevamo avuto già modo di ascoltare a Licata Claudia Pavone proprio nell’ultimo Master, in ottobre scorso, e ne avevamo già scoperto e apprezzato le straordinarie qualità canore che la porteranno sicuramente a calcare i più  prestigiosi palcoscenici italiani ed esteri della lirica. Noi licatesi glielo auguriamo di cuore e gioiamo immensamente per questo ulteriore riconoscimento che il bravo soprano licatese aggiunge alla sua bacheca. Al primo posto si è piazzata il Soprano sud coreano Kim Eun Hee mentre sul secondo gradino del podio vi è salita il soprano italo americano Jessica Cambio Owen. I tre vincitori come ulteriore premio acquisiscono anche il diritto di  entrare a far parte del cast che a luglio, sempre a Brescia, metterà in scena il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, su iniziativa della Brixia Symphony Orchestra.

Lorenzo Peritore