Pubblicità

senatoSono tre i licatesi in corsa per il Parlamento. L’avvocato Daniele Cammilleri è candidato con il Pd alla Camera. Il dottor Armando Antona è candidato con Forza Nuova al Senato. Il dottor Augusto Sorriso corre come capolista del premier Mario Monti per la circoscrizione estero Nord America. Poi c’è un “quasi” licatese: il professore Giuseppe Arnone ex vicesindaco della città. È candidato al Senato con Fratelli d’Italia. Altri candidati noti ai licatesi sono l’europarlamentare Salvatore Iacolino, al Senato con Grande Sud; Roberto Di Mauro, pure al Senato, con il partito dell’ex governatore Raffaele Lombardo. Il professore Giuseppe Lauricella di Ravanusa, figlio dell’onorevole del Partito socialista Salvatore Lauricella, è candidato alla Camera con il Pd nella Sicilia orientale. Intanto, in questi giorni, hanno annunciato le proprie ricandidature il sindaco Angelo Graci e il presidente della provincia Eugenio D’Orsi. La ricandidatura di Graci a sindaco, noi di Licata Net l’avevamo annunciata con largo anticipo. Per cui non è affatto una novità. E non lo è, se vogliamo, neppure quella del presidente D’Orsi con il suo attuale Partito dei Siciliani, ex MpA. D’Orsi nutre fiducia nelle candidature di Lombardo e di Di Mauro con il Pdl. In quanto potrebbero favorire la ricomposizione di quell’alleanza con il partito di Berlusconi da cui è scaturita nel 2008 la sua elezione a presidente della provincia. Ma tutto è subordinato, naturalmente, a quello che il governatore Crocetta deciderà sul futuro delle province. Per ora si sa solo che sono state commissariate per un anno e che quindi a maggio, nei comuni interessati, si voterà solo per l’elezione dei sindaci e dei consigli comunali.