11947920_846205618832103_6669915507342396439_oContinuano i lavori di manutenzione dei canali di scolo e opere idrauliche, affidate dal Comune con la formula dell’accordo quadro, per un importo di euro 37.028,63, prelevata da fondi comunali. A darne comunicazione, intervenendo anche a nome del Sindaco Angelo Cambiano, è l’assessore all’urbanistica, lavori pubblici e manutenzione, Stefania Xerra. “Il nostro intervento – sottolinea l’assessore – riguarda la manutenzione di alcuni canali di scolo di competenza del Comune, a seguito dei sopralluoghi effettuati e previa autorizzazione dell’Assessorato regionale territorio ed Ambiente. In particolare i lavori riguardano la manutenzione di sei canaloni ubicati in contrada Playa, uno nella zona di Fondachello ed uno in corso Argentina, a ridosso dell’area assegnato al porto turistico. La tempestività con la quale tale intervento ha avuto inizio, ha fatto si che la scorsa settimana, quando su tutta la Sicilia, ed anche a Licata si sono abbattute copiose piogge, i danni e i disagi alle abitazioni, alle strutture e ai residenti della suddette zone, sono stati limitati”.

IMG_1553Contestualmente sono iniziati i lavori di sistemazione del sistema di smaltimento delle acque bianche del centro storico, lavori che dovrebbero alleviare al fenomeno di allagamento di tutta l’area che da piazza Gondar si estende sino a piazza Duomo. I lavori prevedono la realizzazione di una vasca di accumulo in piazza Gonda, con annesse due pompe di sollevamento e il ripristino di un percorso della vecchia condotta di scarico delle acque bianche. I tempi di realizzazione, tranne imprevisti e condizioni atmosferiche permettendo, saranno relativamente brevi. “Con queste opere – è il commento dell’Amministrazione comunale – dovremmo porre fine all’annoso problema dell’allagamento del centro storico. Già la scorsa settimana, nonostante l’accensione delle pompe idrovore, piazza Gondar, piazza Duomo, viale XXIV Maggio, e altre zone del porto, sono rimaste allagate a causa dell’attuale sistema di smaltimento delle acque bianche insufficiente e mal funzionante. Ma, è chiaro che la nostra attenzione, è rivolta non solo al centro storico, ma a tutto quanto il territorio comunale dove è già in corso una assidua verifica di tutte le condotte di smaltimento delle acque”.