Calogero  CaritàProf. Carità come giudica la delibera con la quale la G. M. ha intitolato a Giorgio Almirante il soprapasso ferroviario che la Commissione per la toponomastica invece aveva proposto di intitolato ai giudici Falcone e Borsellino?

Per me è un atto di arroganza e di inopportunità politica da parte di una giunta ormai agli sgoccioli del suo mandato che sta cercando in fretta e furia di mettere in cantiere tutta una serie di iniziative che la prossima amministrazione si troverà suo malgrado ad amministrare”.

Ma, secondo Lei è legittima questa scelta della giunta?

Diciamo che è legittima, nel senso che la giunta può non osservare i pareri espressi dalla commissione per la toponomastica e deliberare in difformità, ma dando le dovute motivazioni”.

Perchè la commissione per la toponomastica si espresse negativamente contro la proposta del sindaco Graci di intitolare una strada ad Almirante?

Le strade si intitolano a cittadini che sino distinti per i loro contributo dato alla storia del nostro paese, alla crescita della nostra società, che si siano distinti nelle lettere e nelle arti e nella scienza, agli eroi, patrioti e a quanti hanno contribuito all’unità del nostro paese e alla liberazione dell’Italia dalle dittature.”

E Almirante non rientra in queste categorie?

Affatto. Almirante fu di indiscussa fede fascista, teorizzò la razza pura in Italia e diresse la rivista La Razza e perseguitò gli antifascisti, ordinandone la fucilazione. Sono queste le motivazioni per cui la Commissione per la Toponomastica non intese accogliere favorevolmente la proposta del sindaco.”

Ma Almirante dopo la guerra fu eletto democraticamente in Parlamento e fu riconosciuto come un gran politico:

Che sia stato eletto democraticamente non vuol dire che la sua storia personale, la sua militanza politica nel Fascismo siano state cancellate. A meno che qualcuno non voglia fare revisionismo e la Commissione per la Toponomastica non ha inteso stendere un velo sul passato di Almirante”.

Cosa accadrà ora?

L’ultima parola spetta ora al Prefetto di Agrigento e alla Commissione per la Storia Patria. Certamente la Commissione Toponomastica non starà ferma e farà i propri passi. In ogni caso chiederemo alla prossima amministrazione di revocare questa delibera”.

E se il prefetto dovesse accogliere la proposta della Giunta?

Vorrà dire che il giorno dopo del sì del prefetto, chiunque potrà proporre di intitolare una strada a Benito Mussolini. E visto che il Progresso non alberga a Licata, si potrebbe pensare di ripristinare l’intitolazione dell’attuale piazza Progresso in piazza Benito Mussolini, con buona pace per la storia. E tutto ciò accade alla vigilia del 70° anniversario dello sbarco degli Alleati in Sicilia che intesero allora di liberarci dal Fascismo. L’augurio è che le Associazioni e le scuole intervengano per protestare contro questa assurda delibera”.