Gela – C’è anche un imprenditore licatese tra i quattro arrestati dalla Squadra Mobile di Caltanissetta su richiesta della direzione distrettuale antimafia in un’operazione denominata Exitus. Si tratta dell’imprenditore di 73 anni Giuseppe Incorvaia che avrebbe – insieme ad altri – favorito l’ascesa del clan Rinzivillo.

“Giuseppe Incorvaia, imprenditore licatese di cosmetici e profumi, si metteva a disposizione – scrive la Questura di Caltanissetta – del capo clan Salvatore Rinzivillo che, dal carcere, faceva pervenire ad Incorvaia precisi ordini tramite Grazio Ferrara. Inoltre, Incorvaia – prosegue la ricostruzione ufficiale – favoriva il boss gelese fornendogli il suo contributo per l’attivazione di attività economiche funzionali all’investimento e riciclaggio di illeciti proventi, avvalendosi della figura dell’avvocato Ferrara”.

Fra i destinatari delle misure, che sono state eseguite dalla Squadra Mobile, anche un avvocato e un imprenditore attivo nel commercio delle carni.