Gueli Angelo (2)Una grande soddisfazione per il movimento podistico palmese giunge dall’Olanda. Angelo Gueli, con il tempo di 2 ore e 49 minuti, ha tagliato il traguardo della maratona di Amsterdam primo tra i quasi mille italiani in gara. Una straordinaria impresa per l’atleta dilettante del gruppo sportivo Valle dei Templi che ha migliorato di ben 6 minuti il suo record personale. Un risultato ancora più significativo se si considera  il fastidioso vento che ha condizionato le performance di tutti gli atleti partecipanti, compresi i due grandi favoriti ai nastri di partenza Kirui e Abshiro. La vittoria è andata, invece, al Keniano che non ti aspetti, ovvero Kipyego che ha chiuso con il tempo di 2.06.22. In assoluto l’atleta agrigentino è arrivato 120° tra i 15.000 iscritti alla gara.

Angelo Gueli, trentasei anni, la scorsa estate si era imposto al primo trofeo Viviana Meli, riservato agli atleti palmesi, disputatosi a Marina di Palma nel contesto della decima edizione del Memorial Lillo Inguanta. Buona la prova complessiva anche degli altri atleti palmesi presenti ad Amsterdam che hanno tenuto alta la bandiera della Valle dei Templi: dietro lo straordinario Gueli si sono piazzati Domenico Balistreri, che ha migliorato il suo personale di 3 minuti chiudendo la maratona in 3 ore e 26 minuti; Lillo Bongiorno che, nonostante  un malore a meta gara, ha concluso la maratona olandese in 3 ore e 16 minuti, anche grazie al supporto di Lillo Inguanta, vice presidente della società sportiva agrigentina che non ha potuto partecipare alla gara per infortunio, che ha svolto la funzione di pacer, trainandolo negli ultimi 7 km; infine, Salvatore Cottitto ha chiuso la gara con il tempo di 3 ore e 41 minuti.  Il trionfo siciliano è stato completo anche grazie alla catanese Tatiana Betta, prima fra le italiane con il tempo di 3 ore. Anche l’atleta catanese, così come Gueli, la scorsa estate aveva partecipato al Memorial Lillo Inguanta nella quale si era imposta nella categoria femminile, conquistando  il trofeo Rosamaria Inguanta.