Pubblicità

ospedale-licataRiceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa emesso dal gruppo consiliare dell’Udc.

Da circa due anni si discute e si lotta contro la chiusura del punto nascita. Diverse sono state le azioni intraprese dalla precedente amministrazione e da qualche esponente politico locale su questo fondamentale servizio. Si è forse fatta speculazione politica da parte di alcuni deputati regionali, agrigentini e anche dall’attuale Governatore Crocetta che, in un comizio in piena campagna elettorale a Licata, aveva apertamente promesso che il punto nascita non sarebbe stato assolutamente oggetto di nessuna ipotesi di chiusura, ma la campagna è passata da un pezzo e con lei, evidentemente, anche le promesse visto che la chiusura diventa sempre più concreta e prossima. Come esponente politico dell’Udc insieme a tutto il gruppo consigliare composto dai consiglieri Elio D’Orsi, Marianna Arnone e Giuseppe Scozzari abbiamo già interessato il nostro referente regionale, On. Lillo Firetto, membro della Commissione Sanità all’Ars, al fine di intraprendere una forte azione nei confronti del governo regionale per scongiurare la chiusura dell’importante punto nascita. Spero e credo che anche l’amministrazione comunale di Licata, il sindaco e gli assessori siano intervenuti nei riguardi dei loro rappresentanti politici regionali visto che la soluzione al problema è solo ed esclusivamente di natura politica. Dal punto di vista politico, il punto nascita, è  un banco di prova per tutti i politici licatesi, ma soprattutto per l’amministrazione che ha il dovere di intervenire con tutta sua forza politica per  non far coincidere l’inizio della sindacatura Balsamo con la chiusura del punto nascita. Sarebbe una sconfitta per tutti ,ma soprattutto per l’amministrazione e gli  alleati che sono stati determinanti per la sua elezione.

Il Capogruppo dell’Udc in Consiglio Comunale – Giuseppe Montana